LEZIONI DI “TIFO POSITIVO”: A SCUOLA DI EDUCAZIONE EMOTIVA CON LO SPORT!

10583022_944398475576740_10301396139334884_oSport è gioco e realizzazione di sé, ma anche disciplina, ruoli, regole.
E’ competizione e voglia di vincere, ma anche fair-play e rispetto dell’altro.
E’ passione ed entusiasmo, ma anche gestione delle proprie reazioni ed espressione delle proprie emozioni.

Sempre più spesso si considera lo sport come una valida metafora di apprendimento che permette un’efficace traslazione tra comportamenti agiti in situazioni sportive e situazioni sperimentate in contesti scolastici.
Consapevolezza e padronanza di sé; autoefficacia e motivazione personale; capacità di mettersi in gioco; fiducia in sé, nell’altro e nel gruppo; capacità di supporto reciproco, relazioni e ascolto, coesione di gruppo e collaborazione. Tutte dinamiche che entrano in gioco in campo come nella vita di tutti i giorni, oggi tra i banchi di scuola, domani in ambito professionale.

Anche l’esperienza dell’attività sportiva indirettamente intesa, come ad esempio la manifestazione della propria passione sportiva, può insegnare molto ai nostri ragazzi, oltre che avere una valenza di rilievo in ottica di PREVENZIONE DEL TIFO VIOLENTO, sensibilizzando i più giovani ad una lettura differente dell’evento sportivo.

Il TIFO infatti viene considerato uno dei principali elementi di aggregazione in età giovanile. Consente al ragazzo di sperimentare la dimensione del gruppo e gli permette di conoscere, confrontarsi e valorizzare ciò che è altro da sé, riconoscendo nella diversità un’opportunità. Diventa una modalità innovativa ed efficace per operare in sinergia con gli altri e imparare a conoscere e gestire le proprie emozioni.
Il clima coinvolgente ed aggregante creato nel caso del tifo sportivo, consente lo sviluppo di energia positiva ed entusiasmo. Allo stesso tempo lo sport insegna a canalizzare l’aggressività che può così essere espressa in modo produttivo consentendo di utilizzare la sua carica in forma positiva e ritualizzata.

Da queste premesse nasce l’iniziativa di creare LABORATORI SCOLASTICI DI EDUCAZIONE EMOTIVA che si propongono di favorire la coesione di gruppo e l’inclusione sociale del sistema classe attraverso utilizzando la metafora sportiva e la dimensione del gruppo sperimentata nella condivisione del TIFO SPORTIVO.

I percorsi sono strutturati allo scopo di sensibilizzare ad una lettura differente dell’evento sportivo, alimentare consapevolezza rispetto ad una corretta manifestazione della passione per la propria squadra, trasmettere le regole comportamentali del tifo in contesti sportivi differenti.

L’iter educativo proposto offre uno spazio di riflessione sulla corretta manifestazione della passione per la propria squadra, la condivisione delle regole comportamentali del “tifoso positivo” e la sperimentazione di come convogliare le energie del gruppo porti al raggiungimento di successi.

L’iniziativa è già partita in alcune scuole milanesi e verrà replicata anche nel prossimo anno scolastico.

Testo a cura della Dott.ssa Stefania Ortensi, Psicologa dello Sport

16617523_s

Annunci