PROBLEMI DI CONCENTRAZIONE? CREA LA TUA ROUTINE!

For the winCosa fa Valentino Rossi prima di salire in sella alla sua moto? Tiger Woods come si approccia al colpo? E Blanka Vlasic prima di iniziare la rincorsa per il salto in alto?

I più grandi campioni di tutte le discipline sportive ci svelano inconsapevolmente uno dei loro “segreti” per ottimizzare le proprie prestazioni: una delle più importanti ed efficaci strategie di concentrazione consiste proprio nell’utilizzo di una ROUTINE PREPARATORIA.

Ma in cosa consiste?

Si tratta di un insieme integrato di pensieri, azioni e immagini che si attivano in modo coerente prima della prestazione.
Chiaramente variano moltissimo in base alla disciplina sportiva praticata, ma non solo. E’ possibile creare rituali differenti per momenti specifici della prestazione. Per esempio un giocatore di basket potrà preparare una routina pre-partita e una diversa da utilizzare prima dei tiri liberi. Così come un golfista utilizzerà pre-shot routine differenti a seconda che si stia preparando a colpire uno swing o un putt.

Un rituale di concentrazione efficace dovrà essere perfettamente integrato alla routine tecnica dell’atleta, ricalcando il più possibile le abitudini funzionali già possedute. I gesti che l’atleta già compie saranno integrati con elementi di Mental Training per migliorare la qualità e la regolarità della prestazione.
Ogni atleta potrà quindi creare una sequenza altamente personalizzata di immagini mentali, respiri e self-talk a corredo della propria preparazione tecnica all’esecuzione.

Precisa e ripetibile diventerà col tempo perfettamente automatizzata e parte integrante del gesto tecnico portando con sé numerosi benefici.
Maggiore concentrazione, utilizzo efficace dell’attenzione selettiva, riduzione dello stress, gestione dell’attivazione, eliminazione dei pensieri distraenti, migliore controllo ed esecuzione del gesto tecnico sono solo alcuni tra questi.

La nostra ROUTINE PREPARATORIA diventando una sorta di INTERRUTTORE DELLA NOSTRA CONCENTRAZIONE consentirà di raggiungere “a comando” un’attivazione ottimale delle nostre risorse emotive e cognitive migliorando notevolmente la prestazione.

A cura della Dott.ssa Stefania Ortensi, Psicologa dello Sport

16617523_s

Annunci